Presidente

Giovanni MARRO

 

 

Earth Day 2017

Earth Day 2016

Perchè Falco      Statuto    Regolamento interno

 

Canale you tube  Attivita 2018  Articoli stampa 2018 Convenzioni per i soci

 

Arte e Storia del Molise in un click di Alessandro Cimmino

 

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO ARTICOLI STAMPA 12/07/2018

 

seguici su...

22/03/2018 "Giornata Mondiale dell'Acqua"

Relazione integrale del Dott. Gradito Marra presentata in occasione del convegno: La captazione delle sorgenti del Biferno: qualità delle acque, la loro distribuzione e conseguenze ambientali ed economiche" (scarica il file in formato pdf)

Relazione integrale del Geom. Gaetano Barrassi presentata in occasione del convegno sopra

citato (scarica il file in formato pdf).

 

 

 

Decimo anniversario

 

La "Falconeria" a "Collemeluccio" di Teodorico LILLI

 

Il Presente è tuo

di Teodorico LILLI

Prefazione Alessio PAPA

presentazione Vito MARRA

 

 

Attività Svolte

Attività 2018

Attività 2017

Attività 2016

Attività 2015

Attività 2014

Attività 2013

Attività 2012

Attività 2011

Attività 2010

Attività 2009

Attività 2008

Attività 2007

 

Raccolta Foto

Escursioni

Manifestazioni

 

Articoli stampa

Anno 2018

Anno 2017

Anno 2016

Anno 2015

Anno 2014

Anno 2013

Anno 2012

Anno 2011

Anno 2010

Anno 2009

Anno 2008

Anno 2007

Anno 2006

Anno 2005

Anno 2004

Anno 2003

Anno 2002

Anno 2001

 

Non solo nostalgia

Giorno 12/08/2016

Giorno 13/08/2016

Giorno 14/08/2016

 

Consigli Medici

del Dott. Regolo Ricci

aggiornato al 30/08/2014

 

Poesie e Musiche

Video

 

Porta a Porta

Riciclo Carta

Riciclo Organico

Riciclo Vetro

Riciclo Plastica

Modello Novara

R.D. Termoli

Inceneritore si o no

 

Ambiente

www.ambiente.it

www.europa.eu

www.ecoage.it

www.reteambiente.it

www.ambientediritto.it

www.giuristiambientali.it

 

Molise Online

www.altromolise.it

www.primapaginamolise.it

www.informamolise.com

www.molisando.it

www.ilbenecomune.it

www.montidelmatese.it

 

Istituzioni

www.governo.it

www.minambiente.it

www.regione.molise.it

www.provincia.campobasso.it

www.provincia.isernia.it

www.comune.bojano.cb.it

 

 

TV Online

Tele Regione

TeleMolise

Molise24

Rai tre Molise

Tele Trigno Molise

Tele Isernia

 

Servizi

Mappe e Itinerari

Calcolo C.F.

Calcolo ICI

Che tempo fa?

Elenco Telefonico

www.carabinieri.it

www.poliziadistato.it

www.gdf.it

www.vigilfuoco.it

www.corpoforestale.it

www.esercito.difesa.it

www.arpamolise.it

www.molisealberi.com

www.apat.gov.it

www.concorsi.it 

Software gratuito

 

 

 

Lettera aperta al Presidente della Provincia di Campobasso

 

Prot. Nr. 48/2018

Bojano, 11/07/2018 

 OGGETTO: lettera aperta.

 

            Gent.mo Sig. Presidente, abbiamo avuto più volte e in diverse occasioni il piacere di incontrarla al fine di trovare una risoluzione all’annosa problematica che riguarda il tratto viario, di competenza di codesta Provincia, che collega Bojano alla Borgata di Monteverde di Bojano “Passerella pedo-ciclabile Rio Bottone e messa in sicurezza del percorso pedonale e ciclabile lungo la S.P. 49 “Bojano – Baranello”.

            Nelle circostanze è stata posta in evidenza l’estrema pericolosità della strada in questione in particolare per pedoni e ciclisti, che di sovente la percorrono.

            Nell’incontro avvenuto con il Direttivo di questa Associazione, a fine primavera 2017, presso la sede di codesta provincia, alla presenza della S.V., con personale tecnico della provincia e della regione e i Sindaci di Bojano e di Spinete, fu stabilito che l’opera relativa alla passerella pedo/ciclabile, si sarebbe realizzata in quanto vi erano già i fondi disponibili, mancava solo il parere favorevole della Regione Molise. Detto parere giungeva, ampiamente favorevole, con la nota nr. 82148 del 13/07/2017 della Regione Molise – IV Dipartimento Governo del territorio, mobilità e risorse naturali, con il seguente oggetto: “Progetto della passerella pedona lungo la S.P. 49 Bojano – Baranello. Riscontro a comunicazione prot. nr. 12859/2017. Rilascio parere.

            A seguito del parere favorevole della Regione Molise, ci fu comunicato per via informale che la Provincia aveva reperito ulteriori fondi per realizzare il nuovo progetto e partire con i lavori nella primavera del 2018.  Atteso, il mancato inizio dei lavori, questo sodalizio ha chiesto in data 29/03/2018 con prot. nr. 33/2018 e in data 07/06/2018 con prot. nr. 45/2018 un ulteriore incontro per avere contezza di quanto stabilito. Si precisa che a tutt’oggi ancora non si intravede una risoluzione concreta della problematica, nonostante la disponibilità dei fondi.

            É opportuno precisare, inoltre, che nell’occasione dell’incontro avutosi nella primavera del 2017 fu riferito anche che era stato già appaltato il tratto di pista ciclabile dallo svincolo SS17 al ponte di Rio Bottone e che i lavori sarebbero iniziati di lì a breve. Anche questo non è stato ancora realizzato.

            La nostra libera Associazione è un Sodalizio portatore di interessi diffusi, la sua azione (attuata esclusivamente in attività di volontariato) è diretta meramente alla realizzazione di interessi collettivi, a maggior ragione quando riguardano la sicurezza dei cittadini. Siffatto interesse per le opere in parola è dettato solo dalla concreta situazione di disagio e di pericolo che incombe sulla collettività e non si capisce come mai chi si dovrebbe interessare del bene comune non lo faccia con la dovuta solerzia in particolar modo a riguardo di situazioni come quelle sopra descritte. Si spera nel dovuto buon senso e nella auspicabile sensibilità civica di chi se ne deve occupare con i migliori auspici di un futuro migliore, significando che siffatta situazione va avanti da circa un decennio.

Il Direttivo

 

 

 

Relazione attività svolta primi sei mesi del 2018 comunicata

in occasione della gita sociale 01/07/2018

      Cari soci e simpatizzanti, siamo arrivati alla 16^  edizione della scoperta del Molise, ma prima di parlare dell’escursione prevista per oggi, vogliamo informarvi circa le  attività della Falco realizzate nei primi sei mesi del 2018.

L’attenzione dell’associazione si è focalizzata prevalentemente sulle tematiche quali l’inquinamento, la difesa, tutela e l’educazione ambientale, e su argomenti di natura socio/culturale. Il colloquio con le istituzioni, è stato continuamente improntato all’apertura e non alla difesa di posizioni precostituite. Uno dei concetti basilari propagandati dall’associazione è lo “sviluppo sostenibile”, quindi occupazione e lavoro ma nel rispetto dell’ambiente, valorizzando quelle peculiarità territoriali che possano portare benessere e sviluppo. La Falco crede nella solidarietà del gruppo. Il lavoro di equipe, fatto in sintonia, ottimizza i risultati gratificando tutti per il contributo dato, è questa la ratio del gruppo, gioire tutti allo stesso modo per la realizzazione di progetti nei quali tutti hanno contribuito.

Le Attività svolte dalla FALCO:

Nel mese di febbraio 2018,  a seguito dell’esondazione del Torrente Rio Bottone, la Falco ha inviato una missiva diretta alle istituzioni locali e regionali chiedendo un intervento risolutivo alla problematica, attualmente siamo in attesa di essere ricevuti dal Presidente della Regione Molise, la richiesta è stata inviata il 07/06/2018. Inoltre siamo in attesa di essere ricevuti dal Presidente della Provincia di Campobasso per essere messi a conoscenza a che punto è l’iter procedurale della realizzazione della passerella del fiume Rio Bottone e della prosecuzione dei lavori  della pista ciclabile, richiesta effettuata in data 07/06/2018.

Nel mese di Marzo 2018, sono stati conclusi gli incontri a scuola relativamente ai progetti:

1.     Progetto: “Non c’è vita senza acqua”, sono state effettuate lezioni nelle classi V della scuole primarie e I delle scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo Amatuzio-Pallotta di Bojano e nei Plessi di Macchiagodena e San Pietro in Valle dell’Istituto Comprensivo Colozza di Frosolone.

2.     Progetto: “Legalità”, sono state effettuate lezioni nelle calssi III delle scuole secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo Amatuzio – Pallotta di Bojano.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua (22/03/2018), l’Associazione ha organizzato la visita, grazie alla disponibilità di Molise Acque e del Sig. Michele Spina, della galleria “Rio Freddo”, dove avviene la captazione delle Acque dal nostro Matese, per tutti gli alunni che hanno partecipato alle lezioni relativi ai progetti citati. Inoltre ha organizzato il convegno “La captazione delle sorgenti del Biferno: qualità delle acque la loro distribuzione e conseguenze ambientali ed economiche”.

Nel mese di Aprile ha accolto gli alunni delle scuole primarie di Frosolone, ha fatto percorrere loro un tratto del nostro lungo fiume, arrivando fino alle sorgenti di Santa Maria dei Rivoli, qui hanno visitato la chiesa e ascoltato l’Arch. Muccilli su una breve storia di questa, poi i ragazzi hanno potuto fare merenda nell’area antistante la chiesa, la quale, grazie al Comitato Santa Maria dei Rivoli 2018, l’ha resa accogliente e pulita.

Nello stesso mese ha collaborato con il Movimento Legge rifiuti Zero, alla raccolta firme, relativa alla campagna nazionale “Cambiamo l’aria”.

Nel mese di Maggio ha  collaborato con la polizia locale al passaggio del 101° Giro d’Italia.

Ha presentato insieme all’Associazione Matese Arcobaleno e al Comitato Fare Verde delle osservazioni inerenti la progettazione della riapertura della discarica di Colle d’Anchise, inoltre condivide le preoccupazioni del Comitato per la salvaguardia della Valle del Tammaro, relativamente all’istallazione di un impianto di compostaggio di 22 mila tonnellate di rifiuti annue.

Ha partecipato alla II vesta della Solidarietà, dedicata alle Associazioni di Volontariato, svoltasi a Isernia presso l'Auditorium "Fratelli d'Italia".

Infine, in riferimento al regolamento comunale sulle adozione di aree verdi, ha  adottato l’area Ex Scuola elementare, si è provveduto già a rendere l’area più visibile, tagliando l’erba e eliminando i rifiuti. Il prossimo passo sarà quello di dipingere la ringhiera, a novembre si provvederà alla potatura degli alberi grandi e al taglio di quelli piccoli. L’Associazione ha intenzione di mettere delle panche e dei giochi per bambini all’interno dell’area e, per reperire fondi, sarà organizzata una lotteria.

IL DIRETTIVO

Sezione VIDEO

Archivio Foto

  

Progetti scuola

Rifiuti 2016

Acqua

Ecos. Urbano

L'Europa in slide

Ecos. Urbano 2012

energie rinnovabili

Gioco "Earth"

Earth I parte

Earth II parte

Ecotest

EARTH DAY 2016

Giochi per Bambini

 

 

Quotidiani

Locali Online

Primo Piano Molise

Il Quotidiano del Molise

Futuro Molise

Il Giornale del Molise

Primonumero

Termolionline

termolitv

informamolise

mytermoli

isernianews

 

Tv Regiionali

 

TG3 Molise

TeleMolise Diretta

TeleMolise 2

TVI Molise

Tele Regione Molise

 

 

QuotidianiNazionali

 

Il Giornale

Il Fatto Quotidiano

La Repubblica

Il Corriere della Sera

Libero

Il Mattino

Il Centro

Il Foglio

L'Unità

Avvenire

Il Resto del Carlino

Il Giorno

La Nazione

L'Osservatore Romano

La Gazzetta dello Sport

 Il Messaggero

Il Manifesto

Il Secolo XIX

Il Tempo

Il Sole 24 ore

La Stampa

Tutto Sport

 

 

Ai soci dell’Associazione Falco

         Caro socio, sono Marro Giovanni, attualmente presidente dell’Associazione Falco, alla quale sei iscritto. Scrivo per comunicarti che abbiamo provveduto a stampare la nuova tessera associativa, se questa non ti è stata ancora consegnata ti prego di contattarmi. Inoltre ti comunico che al titolare della tessera associativa, alcune attività commerciali di Bojano effettuano degli sconti come da elenco sotto indicato:

Anna Moda, Piazza Roma: sconto del 20% su tutta la merce tranne nei periodi di saldi e vendite promozionali.

L’Aquilone, c.so Amatuzio: ad una spesa di minimo 20 euro viene applicato il 10% di sconto.

Ottica Gianfrancesco, Piazza Roma: sconto dal 15% al 30%.

Benetton Oscar Abbigliamenti SRL, Piazza Roma e c.so Amatuzio: sconto del 15% su tutta la merce tranne nei periodi di saldi e vendite promozionali.

Il Matterello, Via Don Stefano Gorzegno: sconto del 10% sulla produzione propria.

Free Time, largo Duomo: sconto del 10%.

Ferramenta Colori di Eduardo Evangelista, via dei Sanniti: 15% di sconto su tutti i prodotti non in promozione.

Gualtieri Ingrosso & Packaging, via Molise: 5% di sconto effettuando una spesa superiore a 50 euro.

Gualtieri tutto festa via Barcellona: 10% di sconto effettuando una spesa superiore a 30 euro.

Abbigliamento Castrilli Giandomenico c.so Amatuzio: dal 5% al 10% di scontro su tutta la merce tranne nei periodi di saldi e vendite promozionali.

Patullo Agrigarden di Gennaro Angelini, via San Bartolomeo: 5% di sconto, ad esclusione delle offerte interne al negozio, dei prodotti presenti nei volantini e dei prodotti (mangimistici e sementieri).

La Chicca, Piazza Roma 64: sconto del 10% su tutti gli articoli tranne nei periodi di saldi e vendite promozionali.

Il Dottor Domenico INNAMMORATO, specialista in Radiodiagnostica, esegue ecografie applicando uno sconto sulla tariffa del 20%. Per prenotazioni telefonate al 3471056393.

Giugiolandia Family Ristorante Bar, Bojano via F. Pallotta: Caffè € 0,70, Cappuccino € 0,80, Cornetto € 0,80.
Primo pranzo prezzo pieno, pranzo successivo sconto del 20%. Su tutte le altre consumazioni sconto del 20%.

 

Inoltre ti porto a conoscenza che abbiamo stipulato una convenzione con l’Associazione ARTCOMBOJANO (artigiani e commercianti di Bojano), il loro simbolo lo troverai sul retro della tessera Falco. La convenzione prevede che alcune attività aderenti ad ARTCOM, effettueranno delle promozioni ai titolari della tessera Falco. Le suddette attività avranno visibile il logo della Falco in vetrina, come da foto allegata.

A nome del Direttivo auguro a te e ai tuoi familiari un Buon Natale e un Felice anno 2018.

Contatti: 3346391681 – infotiscali@associazionefalco.it                             

Il Presidente 

Marro Giovanni

 

Ultime notizie

Ogni anno, con la nostra associazione, svolgiamo delle lezioni nelle scuole primaria e secondarie, per far comprendere ai ragazzi l’importanza di rispettare l’ambiente. L’argomento di quest’anno è l’acqua. Un elemento indispensabile per la vita animale e vegetale. Eppure molte volte non ce ne rendiamo conto. La inquiniamo e la sprechiamo con comportamenti scorretti che mettono a repentaglio la vita, specialmente dei più deboli. Come quella dei bambini, le donne e gli anziani che vivono in alcune zone della Terra dove il comportamento sbagliato dell’uomo ha contribuito ad aggravare quelle che erano già condizioni difficili di vita dovute alla collocazione geografica. Non è facile portare i nostri messaggi a bambini che vivono in un mondo dove basta aprire un rubinetto per avere acqua a sufficienza. Un mondo dove il comportamento degli adulti, che dovrebbe essere per loro esempio da seguire, è poco rispettoso nei confronti della natura. E’ per questo che ci siamo sentiti gratificati quando alla fine della lezione, due bambine ci hanno chiamato per mostrarci un disegno che loro avevano realizzato sulla lavagna, spontaneamente, mentre noi dell’associazione eravamo intenti con le insegnanti a prendere accordi per le prossime iniziative in programma. Speriamo che la foto che ho postata e che ritrae il disegno delle bambine, faccia da stimolo per tutti noi a fare meglio, nel rispetto del motto dei Nativi Americani che noi della “Associazione Falco” abbiamo adottato: "La Terra su cui viviamo non l'abbiamo ereditata dai nostri padri, l'abbiamo presa in prestito dai nostri figli”. Tutti sappiamo che quando si prende una cosa in prestito bisogna farne buon uso e riconsegnarla senza averla in alcun modo danneggiata.

 

                                                               Elettrosmog!!!

Negli ultimi anni è aumentata l’attenzione dei cittadini ai possibili danni alla salute provocati dai campi elettromagnetici CEM) ed è preceduta solo dalla preoccupazione relativa ai cambiamenti climatici e alla qualità dell’aria. Sicuramente c’è un po’ di allarmismo. Probabilmente molta dei sintomi quali mal di testa, vertigini, dolori muscolari e articolari riferita da persone che abitano nei pressi di stazioni radio base per telefonia mobile, emittenti radio-tv, cavi dell’alta tensione e apparecchiature per la fornitura di energia elettrica, è dovuta all’effetto “nocebo”. Ovvero, la sola convinzione di essere esposti ai CEM può far star male. In effetti gli studi scientifici sinora non confermano che l’esposizione ai campi causi problemi sanitari. D’altra parte, viviamo in un mondo in cui non si riesce più a fare a meno delle nuove tecnologie che probabilmente, se utilizzate in modo massivo e senza verificarne attentamente la pericolosità, potrebbero avere effetti nocivi sulla nostra salute. Sono evidenti, i vantaggi delle telecomunicazioni telefoniche, internet, wi-fi. Il loro utilizzo incontrollato, però, causa un innalzamento del livello di campi elettromagnetici superiori al campo elettromagnetico naturale della Terra che per alcuni scienziati potrebbero dare origine, negli uomini, a malattie molto gravi. E’ per questo che da alcuni anni la comunità scientifica internazionale si interroga per capire se i CEM sono dannosi per la nostra salute. Sino ad ora, però gli studi portati a termine, non hanno dato risposte univoche. Ai risultati di studi meno allarmistici sulla pericolosità delle Radiofrequenze (RF), si contrappongono quelli condivisi da scienziati i cui studi sembrano confermarne la pericolosità. L’OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità) e la IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro), ad esempio, collocano i campi elettromagnetici ad alta frequenza (generati dai telefoni cellulari, da antenne di telefonia mobile, forni a microonde, routerwifi) nel gruppo 2B che comprende i possibili cancerogeni per l’uomo. Nella stessa classe sono presenti i campi magne¬tici a bassa frequenza (per esempio linee elettriche ad alta tensione, elettrodomestici, impianti elettrici). Nel 2014 uno studio epidemiologico svedese ed uno studio francese concludono che la radiofrequenza è da classificare in Classe 1 (carcinogeni umani certi) e che gli effetti dell’esposizione sono cumulativi perché da tempo superano di gran lunga il campo elettromagnetico naturale della terra. Nel 2017, in un convegno tenutosi a Gerusalemme, è stato comunicato che i CEMBF (campi magnetici a basse frequenze) generati dal flusso della corrente elettrica, somministrati da soli sembrano non costituire un aumento di rischio per i tumori. Quando però gli stessi vengono associati alla contemporanea somministrazione di un agente chimico o fisico, si ottiene un effetto di sinergia e un aumento dell’incidenza di alcuni tumori maligni. Considerato che è impensabile bloccare le nuove tecnologie, anche se potenzialmente pericolose, c’è da chiedersi cosa si possa fare per rispondere ai cittadini che ultimamente manifestano una preoccupazione sempre più evidente verso i campi elettromagnetici, che è preceduta solo dai timori legati alle conseguenze dei cambiamenti climatici e alla qualità dell’aria. Sicuramente sarebbero utili iniziative comuni tra cittadini, associazioni e istituzioni, per sollecitare l’industria a sviluppare una tecnologia meno pericolosa e meno invasiva. In attesa dei risultati dei vari studi in corso sull’argomento. Attualmente, la valutazione dei rischi per la salute dovuti all’elettromagnetismo è materia riservata allo Stato. Le normative statali in vigore, sono nate con l’intento di bilanciare la protezione ambientale, la tutela della salute, il governo del territorio e la diffusione sull'intero territorio nazionale della rete per le telecomunicazioni. La legge fissa già dei limiti alle emissioni dei campi elettromagnetici e alle frequenze non ionizzanti e, come nel caso delle antenne per la telefonia mobile, non fa riferimento a distanze dalle emittenti, ma a valori limite del campo elettromagnetico che garantiscono la salute alla popolazione. Pertanto le amministrazioni comunali, anche se sollecitate da cittadini singolarmente o in associazione, non possono prevedere limiti inderogabili alle distanze tra infrastrutture per le telecomunicazioni e centri abitati e edifici pubblici o privati ritenuti sensibili. Evidentemente, deve essere il buonsenso a guidarci per cercare di arrestare il deterioramento dell’ambiente non solo a causa dei CEM ma di tutti gli inquinanti che derivano dalle attività umane. Invece del muro contro muro, molte situazioni si potrebbero risolvere con la collaborazione tra gli enti, i cittadini e l’industria della telefonia alla ricerca di soluzioni che salvaguardino la salute dell’uomo e non danneggino sia l’ambiente che le aspettative economiche dell’industria. Inoltre, gli organi preposti devono attivarsi affinché vengano prodotte ed applicate tecnologie più sicure per l’ambiente e i cittadini. Quest’ultimi, vanno comunque educati ad un utilizzo più coretto dei telefonini invitandoli a usare il vivavoce o gli auricolari, evitare le telefonate lunghe e quelle effettuate dove la copertura del segnale è scarsa (in ascensore, galleria, treno) perché sono i luoghi dove sono maggiori le emissioni. In ogni caso, sarebbe opportuno che lo Stato, pur salvaguardando il carattere di pubblica utilità delle telecomunicazioni, e di altre tecnologie potenzialmente pericolose per l’ambiente e la salute dei cittadini, riproponga leggi in linea con le ultime conoscenze scientifiche in modo da rispettare sempre "il principio cautelativo". Ossia, privilegiare sempre misure di tutela della popolazione fino a quando non ci sarà certezza scientifica degli effetti sulla salute causati dai CEM.

 

 

 

Arte e Storia del Molise in un click

di Alessandro Cimmino

 

 

                                      

 

Marcia della Pace 2014

 

 

 

Verbale nomina nuove cariche direttive del 27/10/2017 (file)

 

 

 

 

Seconda giornata ecologica 20/05/2013

Castellone di Bojano 

Prima giornata ecologica 05/05/2013

Castellone di Bojano 

 

 

 

 

 

Come contattarci

Fax

1786060605

Indirizzo postale

c/o Parrocchia S. Emidio, Monteverde di Bojano, Bojano 86021 (CB) - Italia

Posta elettronica

infotiscali@associazionefalco.it; PEC: associazionefalco@pec.it

 

inviare a infotiscali@associazionefalco.it un messaggio di posta elettronica contenente

domande o commenti su questo sito Web.
Copyright © 2012
Ultimo aggiornamento: 01-10-18